OPEL punta sulla QUALITÀ


opel 0   
    

 

OPEL ha da sempre privilegiato la qualità delle propria produzione, considerata come il valore più antico e fondamentale del marchio OPEL, assegnando un posto importante a tutte le tecnologie innovative che possano massimizzare e garantire la qualità.
Fedele alla propria filosofia, OPEL ha scelto la soluzione ALERT per mettere in sicurezza e ottimizzare le proprie linee di montaggio sugli impianti tedeschi di Rüsselsheim (Sede del Gruppo automobilistico con 15.600 dipendenti) e di Eisenach.

opel 1

L’organizzazione della produzione in OPEL

La produzione automobilistica in OPEL è suddivisa su diversi « shops » (linee indipendenti sotto forma di linee di montaggio o d'isole) :

  • „Bodyshop“ (carrozzeria) : qui le lamiere, che escono dalla linea di stampaggio, vengono assemblate come carrozzeria "grezza".
  • Linea di verniciatura.
  • „General Assembly“ (montaggio definitivo) : qui i sedili, il tetto, i cavi, il cruscotto, i finestrini sono aggiunti alla carrozzeria.

L'esercizio di ciascuno "shop" è automatizzato e monitorato dal sistema di supervisione CIMPLICITY di GE Fanuc, associato al software ALERT per il trattamento rapido degli allarmi verso il personale di servizio.
Anche i sistemi di trasporto fra le linee sono monitorati dal sistema di supervisione.

 

Nel quadro del « PMC » (Production Monitoring & Controlling), Opel Rüsselsheim e Opel Eisenach hanno scelto CIMPLICITY per assicurare il monitoraggio di tutto l'impianto.
CIMPLICITY, che fa parte della gamma di software Proficy, assicura l'acquisizione di dati, il monitoraggio e la visualizzazione grafica dei sotto-insiemi di produzione, oltre al controllo/comando della parte automatizzata.
CIMPLICITY permette di visualizzare l'esercizio di tutti gli „shops“ (carrozzeria, verniciatura e montaggio definitivo) sugli schermi del centro di controllo, permettendo non solo di seguire l'avanzamento della produzione, ma anche di essere allertati in caso di arresti di produzione. CIMPLICITY assicura la gestione completa degli allarmi, con visualizzazione e archiviazione. A seconda della priorità, gli allarmi sono visualizzati direttamente con cambiamento di colore e/o lampeggio sul monitor dedicato al settore specifico del centro di controllo, e anche su un maxi schermo e/o tramite display direttamente sul posto.

ALERT, complemento indispensabile del sistema CIMPLICITY

Per prevenire gli operatori reperibili destinatari degli allarmi, CIMPLICITY utilizza le funzionalità di ALERT che prende in carico la trasmissione degli allarmi sui telefoni DECT degli operatori e assicura la gestione delle relative tacitazioni da parte degli operatori stessi, trasmesse automaticamente a CIMPLICITY. Tramite l'interfaccia dedicata a CIMPICITY integrata come standard in ALERT, l’integrazione reciproca dei due sistema è stata molto facile.

Ciascuno « shop » genera in media 60.000 messagggi al giorno. ALERT trasmette solamente i messaggi importanti.

opel 2


La chiamata è indirizzata al personale componendo il numero del telefono DECT. Se la chiamata è accettata dall'operatore chiamato il ciclo di chiamate viene arrestato, in caso contrario il ciclo di chiamata prosegue con chiamate ai numeri seguenti dell'elenco programmato. Il ciclo di chiamata ha un massimo di tre livelli : se la chiamata al secondo numero non ha risposta, ALERT invia un messaggio di "non reperibilità del personale" al management. L’integrazione di ALERT ha permesso di incrementare la mobilità del personale. Gli operatori non sono più obbligati a presidiare le stazioni di monitoraggio. Essi possono muoversi senza limiti sull'impianto e dedicarsi a compiti più importanti.
Reattività al massimo
Sulla linea « Bodyshop » (carrozzeria), fino a 700 robots trattano, saldano e misurano pezzi prefabbricati della carrozzaria. Le anomalie di un robot deve essere rilevata con la massima rapidità e notificata immediatamente al personale tecnico competente.
L’utilizzo di ALERT con CIMPLICITY autorizza tale reattività e permette di evitare arresti di produzione onerosi e di limitarne la durata al minimo.
La trasmissione di un allarme al personale, « alla persona giusta, al posto giusto », è IL risultato determinante dell'utilizzo di ALERT, nota Michael Gaulke, responsabile del progetto in OPEL a Rüsselsheim.
La tracciabilità come un « plus » di ALERT
Un'altra funzionalità di ALERT è il tracciamento di tutti gli eventi e gli allarmi dell'impianto monitorato, e delle azioni del personale (tacitazioni, login, logout). Michael Gaulke sottolinea questa funzionalità come un « plus » molto utile di ALERT, poiché il software che OPEL utilizzava prima dell'installazione di ALERT non offriva tale possibilità. Questa funzionalità di ALERT garantiscue una completa tracciabilità.


150 anni di Opel
Dopo l'apprendistato come addetto alle serrature nell'azienda del padre, il Tedesco Adam OPEL fece un viaggio per lavoro a Parigi nel 1858. Era una città in cui lo sviluppo industriale lo ispirò. Con il bagaglio di esperienze derivato dal lavoro presso i costruttori di macchine da cucire in Francia, ha cominciato la produzione in proprio nel 1862 a Rüsselsheim in Germania.
Nel 1886, i figli produssero la loro prima bicicletta.
E nel 1899, la prima automobile uscì da Rüsselsheim. Inoltre, le automobili vengono montate su châssis del francese Darracq. I fratelli Fritz e Wilhelm studiano in dettaglio il know-how francese per migliorarlo. E nell'autunno dello stesso anno esce la prima OPEL prodotta in casa.
Quasi 100 annni più tardi, negli anni '90, l'argomento "ambiente" guadagna rapidamente importanza. Nel 1989, OPEL è il primo produttore di automobili in Europa a equipaggiare automaticamente tutti i propri modelli con un catalizzatore.
Oggi, Opel conta circa 40.000 persone ed è uno dei maggiori costruttori di automobili in Europa. Con entusiasmo ed esperienza, Opel sviluppa, produce e vende veicoli innovativi come Insignia, Astra e Corsa. L'Ampera, «Vettura dell'Anno 2012», è il primo veicolo elettrico prodotto da un costruttore europeo.

S5 Box

Login Form